triplex21.jpgtriplex22.jpg

La Prima Piramide Alimentare

Un modo per rappresentare la dieta mediterranea, e forse il più noto, è costituito dalla piramide alimentare.

Significato nutrizionale della Piramide Alimentare: è suddivisa in varie sezioni contenenti i diversi alimenti; dalle dimensioni delle sezioni e dalla collocazione dell’alimento all’interno di queste è possibile capire la quantità dello stesso che dobbiamo consumare, quantità che tende a diminuire salendo dal basso verso l’alto della Piramide.

La Piramide Alimentare riunisce 3 caratteristiche essenziali per una alimentazione salutistica: suggerisce la giusta proporzione, nonché la varietà e la moderazione nella assunzione dei cibi. Ci ricorda ancora che nessun alimento è completo e che ogni gruppo alimentare contiene alimenti nutrizionalmente omogenei e quindi tra loro intercambiabili.

Ma le sapete le sue origini?

La prima piramide alimentare risale al 1992 e fu creata dall'USDA, quindi è stata istituita in America. Se osservate l'immagine noterete che prevedeva:

- Ridotto consumo di grassi

- 2/3 porzioni di alimenti proteici al giorno (carne, uova, pesce, latticini, legumi..)

- 3/5 porzioni di frutta e verdura al giorno

-6/11 porzioni di carboidrati al giorno

Queste indicazioni riflettevano le linee guida che consigliavano la ripartizione del fabbisogno energetico giornaliero come:

-45% carboidrati

-40% lipidi

-15% proteine

Tuttavia questa piramide non è riuscita a limitare l'insorgenza di obesità e problemi cardiovascolari. Le imprecisioni che possono essere notate:

-Viene suggerito un abbondante consume di cereali e derivati senza specificare che sarebbe meglio scegliere quelli integrali

-I grassi si trovano al vertice della piramide. in realtà andrebbe fatta la distinzione tra grassi satuti (prevalentemente di origine animale) che sono da limitare e insaturi (per lo più vegetali) che hanno un'azione protettiva.

Joomla templates by a4joomla